Normativa

ABILITAZIONE INSEGNAMENTO: NOVITA' SUL CONCORSO 2019

Concorso Scuola 2019


Requisiti di accesso

Se non si possiede già l'abilitazione per insegnamento, per partecipare al prossimo concorso docenti 2019 è sufficiente avere una laurea (almeno magistrale, e inerente alla classe di concorso alla quale ci si vuole iscrivere) e 24 CFU in materie socio-psico-pedagogiche. 

Le nuove regole per la selezione docenti che superano il concorso scuola 2019, prevede l’abolizione del percorso Fit di formazione triennale degli insegnanti.

Chi supera il concorso scuola 2019 (per esami e titoli) e l’anno di prova, viene immesso in ruolo e, dunque, assunto a tempo indeterminato.

Superamento concorso scuola 2019: non ci saranno idonei ma solo vincitori abilitati

Le graduatorie non conterranno più i nominativi degli idonei in lista di attesa ma solo di chi supera il concorso: i vincitori saranno assegnati alla cattedra in due successivi scaglioni annuali. Chi vincerà il concorso avrà assicurato il posto nella Regione selezionata, ma dovrà restarci per un periodo minimo di cinque anni.

In altre parole il superamento di tutte le prove, mediante il conseguimento dei punteggi minimi previsti (7/10), costituisce abilitazione all’insegnamento per la classe di concorso per la quale ci si candida.

Al Decreto Legislativo n. 59/2017 è stata apportata la seguente modifica “Il superamento di tutte le prove concorsuali, attraverso il conseguimento dei punteggi minimi di cui all’art. 6, costituisce abilitazione all’insegnamento per le medesime classi di concorso”.

Posto che il concorso è abilitante, il docente di ruolo potrà utilizzare il titolo per una nuova immissione in ruolo e/o per richiedere la mobilità professionale (passaggio di ruolo e/o di cattedra). L’abilitazione permette anche l’insegnamento nelle scuole paritarie.

Leggi tutto

Stampa Email

NUOVO ESAME DI STATO

Il ministro dell’istruzione, Marco Bussetti, ha firmato il 26 novembre il decreto con i quadri di riferimento delle prove scritte dell’esame di Stato (maturità) per il 2019.

Il decreto è accompagnato da una nota essenziale che sintetizza contenuti dei quadri di riferimento, durata delle prove, votazioni attribuibile da parte della Commissione.

Il primo quadro di riferimento è riservato alla prima prova maturità 2019, comune a tutti i settori (licei, professionali e tecnici).

Vi sono infine i quadri di riferimento della seconda prova maturità 2019 riferiti rispettivamente ai licei, ai professionali e ai tecnici, al cui interno sono riportati i quadri di riferimento per i singoli indirizzi.

Vai al sito

Slide 

Stampa Email

PRASSI DI RIFERIMENTO PER GESTIRE IL FENOMENO DEL BULLISMO

La prassi di riferimento individua i criteri per prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo, attraverso l’utilizzo di un sistema di gestione applicabile in tutti gli istituti scolastici e formativi di ogni ordine e grado, e più in generale a tutte le organizzazioni, anche non scolastiche, rivolte ai minorenni.

Facciamo riferimento alla FIDAE per l'approfondimento della tematica.

Vai alla pagina 

Stampa Email

ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2019-2020

Il Miur ha pubblicato l’annuale circolare sulle iscrizioni per l’a.s. 2019/20.
Le iscrizioni si potranno effettuare dal 7 al 31 gennaio 2019.

Leggi tutto

Stampa Email

IL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 2019/2022 E LA RENDICONTAZIONE SOCIALE (RS)

Il MIUR ha pubblicato la nota n. 17832 del 16 ottobre 2018, che fornisce indicazioni in merito al rinnovo triennale del PTOF e alla possibilità offerta alle scuole di compilarlo online.

Leggi tutto

Stampa Email

  • 1
  • 2